domenica 1 novembre 2020

Frumpy, una band tedesca da riscopire


Frumpy è stata una band rock/krautrock tedesca, nata ad Amburgo, attiva tra il 1970-1972 e il 1990-1995.

Formatisi dopo lo scioglimento dei folk rocker The City Preachers (https://www.youtube.com/watch?v=63WMdB_1oZg), Frumpy pubblicò quattro album nel 1970-1973, e ottenne un notevole successo commerciale. La stampa tedesca li ha definiti come la migliore rock band tedesca del loro tempo, e la loro cantante, Inga Rumpf, come il "più grande talento vocale individuale" della scena rock tedesca contemporanea.

Si sciolsero nel 1972, anche se i vari membri lavorarono ancora insieme, in vari momenti, nei due decenni successivi; si riunirono di nuovo nel 1989, producendo altri tre album in cinque anni, dopodiché si sciolsero definitivamente.

Inga Rumpf

Un po' di storia…

Tutti i membri della band iniziale facevano parte dei The City Preachers, formati dall'irlandese John O'Brien-Docker ad Amburgo nel 1965.
Nel 1968 la band si sciolse, ma Inga Rumpf - una vocalist dal suono poco femminile, spesso paragonato a Janis Joplin - continuò ad usare il nome della band con una lineup che includeva il batterista Udo Lindenberg, il cantante Dagmar Krause, l'organista francese Jean-Jacques Kravetz e il bassista Karl-Heinz Schott.
Nella primavera del 1969 Lindenberg lasciò per intraprendere una carriera da solista e fu sostituito da Carsten Bohn, che a novembre di quell'anno, a seguito di dissapori con Krause, perseguì verso una nuova direzione creativa.

Riformatisi nel marzo 1970 come “Frumpy” (un gioco di parole che includeva il cognome di Inga e una parola trovata in un catalogo di dischi della CBS) la nuova formazione (Rumpf, Bohn, Kravetz e Schott) debutta all'Essen International Pop & Blues Festival nell'aprile 1970, dove due delle loro canzoni, "Duty" e "Floating", vengono registrate e pubblicate nella compilation dal vivo “Pop & Blues Festival '70”.
A seguire altre date in Francia, Germania e Paesi Bassi, un'apparizione al Kiel Progressive Pop Festival nel luglio 1970 e all'Open Air Love & Peace Festival a Fehmarn, il 6 settembre 1970.

Nell'agosto del 1970 registrano il loro album di debutto, “All Will Be Changed”.
Per promuovere l'album intrapresero un tour tedesco di cinquanta date con gli Spooky Tooth, oltre a suonare come supporter con Yes, Humble Pie e Renaissance.
L'album ricevette il plauso della critica e un buon successo commerciale.

Inizialmente la band era priva di un chitarrista, cosa insolita nel genere rock, mentre faceva grande uso delle tastiere "spaziali” di Kravetz”.
Disse Rumpf: "All'inizio eravamo abbastanza soddisfatti del nostro quartetto, e la chitarra, acustica, era usata esclusivamente per comporre. Fu solo più tardi che iniziammo a scrivere canzoni che richiedevano l’uso della chitarra elettrica".

Nel 1971, poco prima che la band iniziasse a registrare il loro secondo album intitolato “Frumpy 2”, venne reclutato Rainer Baumann, ex chitarrista degli Sphinx Tush.
L'album - un rock progressivo più maturo, con sfumature classiche cariche di hammond e mellotron - ripeté il successo del primo, e diede alla band un singolo di successo, "How the Gipsy Was Born", che sarebbe diventato la loro firma.


La rivista musicale tedesca Musikexpress definì Frumpy come il miglior gruppo rock tedesco dell'anno, mentre Inga Rumpf, spesso descritta come "fumosa" e "demoniaca", fu presentata dal quotidiano nazionale Allgemeine Zeitung come il più grande talento vocale individuale della scena rock tedesca sino a quel momento.

A causa della differenza di vedute musicali, Kravetz lasciò la band all'inizio del 1972 per lavorare con Lindenberg e la sua Das Panik Orchester, e anche per registrare un album solista, “Kravetz” (1972), che vedeva la partecipazione sia di Rumpf che di Lindenberg.
Fu sostituito da Erwin Kama - che aveva precedentemente suonato nei Murphy Blend - che appare in molte delle tracce del terzo album di Frumpy, “By The Way”; Kama lasciò a metà della registrazione, nel marzo 1972, quando Kravetz si riunì alla band.


Anche Baumann espresse il desiderio di iniziare una carriera solista, e la band suonò un "concerto d'addio" il 26 giugno 1972, con Thomas Kretschmer alla chitarra.
Musikexpress pubblicò un necrologio per la band nell'agosto 1972, che così terminava:
Astenetevi dai messaggi di condoglianze dal momento che presto sentirete Inga, Karl-Heinz e Jean-Jacques riproporsi, anche se con un altro nome."

Nel 1973 fu pubblicato un doppio album dal vivo postumo, “Live”.


Post-Frumpy

Poco dopo lo scioglimento di Frumpy, Rumpf, Kravetz e Schott reclutarono il chitarrista Frank Diez e il batterista Curt Cress, entrambi ex della combo jazz fusion “Emergency”, e formarono un supergruppo chiamato “Atlantis”.
Atlantis, che fu descritta come una tradizionale proposta "Frumpy”, riconfezionata con l’aggiunta di un po' di hard rock, registrò il primo album omonimo, pubblicato poi all'inizio del 1973.
In quell’anno Inga Rumpf fu votata come "Miglior Cantante Rock Femminile " dai lettori di Musikexpress. Diez e Cress furono sostituiti da George Meier e Lindenberg per il tour successivo, a loro volta sostituiti da Dieter Bornschlegel e Ringo Funk quando il tour terminò. Pubblicarono poi “It's Getting Better” (1973), brano che aveva una forte influenza afrobeat, e che fece sì che Die Zeit salutasse la Rumpf come una "superstar" (https://www.youtube.com/watch?v=Iy1PxKbckow).

All'inizio del 1974 Kravetz lasciò la band per unirsi a Randy Pie, Schnelle fu nuovamente sostituito da Adrian Askew e Bornschlegel da Alex Conti, di Curly Curve.
Il terzo album, “Ooh Baby” (1974), fu scritto per lo più da Askew e Conti, e virò verso un sound funk; la band ebbe così l’opportunità di fare un tour negli Stati Uniti come supporto per gli Aerosmith e i Lynyrd Skynyrd.
Dopo ulteriori cambiamenti nella formazione furono pubblicati altri due album, “Get On Board” (1975) e “Live” (1975), ma, nonostante il successo commerciale in Germania il gruppo si sciolse nel gennaio 1976.
Il 23 febbraio 1983 i membri fondatori suonarono un concerto di reunion ad Amburgo.

Nel 1989, Rumpf, Bohn e Kravetz riformarono i Frumpy e pubblicarono due album, “Now!” (1990) e "News” (1991), ma proseguirono svogliatamente, avendo in testa altre direzioni da prendere e, nel 1995, la band si sciolse definitivamente.

Sonorità perlopiù dimenticate, ma che vale la pena far riemergere!

Inga Rumpf in un’esibizione più recente…