giovedì 15 marzo 2012

Locanda delle Fate-"The missing fireflies"


Ho visto per la prima volta la Locanda delle Fate dal vivo al ProgLiguria dello scorso gennaio. Ho potuto ascoltare solo frammenti di un set di per sé già corto, per la necessità di comprimere molte band in uno spazio temporale limitato. Per un uomo “antico” come me (purtroppo o per fortuna, a seconda delle situazioni!) il nome del gruppo evoca ricordi lontanissimi, quando la mia “rigidità” adolescenziale mi portava a considerare il prog italiano diviso in fasce, non tanto di qualità, ma di conoscenza, situazione che poi  spesso determinava lo scellerato giudizio finale.
Poco importante il pensiero di un sedicenne che conosceva una sola “Facoltà” da seguire, quella di Ciao 2001(unica fonte di informazione), e che assisteva ai concerti che capitavano nel raggio di 100 chilometri, quasi sempre stranieri, ma di fatto mi sono perso  per strada la “Locanda”( e chissà quanti altri gruppi!), e alla luce di questo nuovo ascolto, The missing fireflies, ho avuto la conferma che anche per me esistono “lucciole mancanti”.
Tengo a sottolineare che il CD mi è stato regalato da un’amica, mia e della Locanda, Marina Montobbio, e lo faccio perché è bene sapere che il modo di agire di noi ammalati di musica si fonda sulla condivisione day by day: non ci riempiremo le tasche, ma avremo sicuramente un posticino di favore in Paradiso!
Il sunto del titolo dell’album è concentrato nelle seguenti righe che ho preso in prestito dal sito ufficiale della band:

The missing fireflies (Le lucciole mancanti) ovvero quei brani, finora inediti nella versione studio, che non poterono trovare posto sul primo LP "Forse le lucciole non si amano più" dato che per motivi tecnici su vinile non era e non è tuttora possibile, superare i 25 minuti per lato pena un decadimento inaccettabile della qualità sonora. Inoltre l'album contiene  alcune tracce live tratte da un concerto del 1977 al Teatro Alfieri di Asti.

Tutti i riferimenti alla storia, al presente e al futuro della Locanda delle Fate sono fruibili al seguente link che indirizza al sito ufficiale:

e nell’intervista a seguire, Luciano Boero, bassista del gruppo e membro originale, condensa una storia di musica e vita che parte da molto lontano.
Ho ascoltato con estremo interesse, più volte, The missing fireflies, album che presenta brani mai registrati, ma da sempre  suonati  dal vivo, e una “seconda sezione” live, con la riproposizione di parte di un concerto del 1977, tenutosi al Teatro Alfieri di Asti.
Un ben conosciuto effetto domino mi ha portato a ricercare nei miei “archivi” il loro marchio prog, “Forse le Lucciole non si amano più”, e a questo punto la comparazione è risultata semplice.
Da un po’ di tempo a questa parte non sono molto interessato alle collocazioni storiche, ai giudizi sui percorsi, a terminare i  pensieri sulla musica che ascolto con un “ma… però…”. Sono invece molto concentrato sul … lasciarmi travolgere( e capita spesso) dall’ascolto, fuggendo da posizioni intellettualoidi, che danno un certo tono, ma impediscono di lasciarsi andare, che in soldoni significa poter godere appieno di  ciò che ci viene regalato.
The missing fireflies è un fantastico album di musica progressiva. Tale etichetta è necessaria per determinare il genere,  e per evidenziare che siamo al cospetto di prodotto di nicchia, purtroppo.
Ma questa musica settoriale ha ormai assunto la dignità della “classica”, e credo che l’unico motivo per cui sia patrimonio di pochi è perché non si hanno molti modi per portarla tra le braccia dei nostri giovani, che quasi sempre… ignorano.
E’ sufficiente l’ascolto di “Crescendo”, una delle nuove registrazioni,  per capire cosa significhi realizzare musica che sappia unire talento, tecnica e gusto, regalando momenti di pura emozione attraverso la voce di Leonardo Sasso e i cambi di ritmo e le armonie che riportano  ai Gentle Giant e al Banco. Il brano è ripetuto dal vivo, come già detto, e ciò permette la comparazione di due epoche molto lontane,  facendo emergere da un lato il tentativo-riuscito- di effettuare una versione in studio molto “vintage”,  ed evidenziando al contempo una forza comunicativa incredibile, che rende il brano- ma così  tutto l’album- di estrema attualità e forza.
Dovendo scegliere un messaggio “centrale”, una “bigniamica” considerazione riassuntiva, direi che The missing fireflies può suscitare in un appassionato del prog anni ’70 la conferma- o la scoperta- di una perla musicale caratterizzante del genere. Ma allo stesso modo è in grado di stupire il “giovin curioso” che, grazie ad una buona dose di sensibilità, abbandonerà i preconcetti tipici dell’età riuscendo così a farsi avvolgere da suoni per lui inconsueti.
Ovviamente sto parlando di Musica!

Foto di Enrico Rolandi

L’INTERVISTA

Vi ho lasciato sul palco di La Spezia e da lì inizio. Che giudizio ti senti di dare del ProgLiguria del 21 gennaio scorso?
E' stato un evento unico, un concentrato della miglior musica progressive italiana. Peccato che l'affluenza del pubblico non sia stata pari agli sforzi compiuti dell'organizzazione, motivata e complessivamente di ottimo livello, ai quali va un grandissimo plauso per i fini di solidarietà perseguiti. Purtroppo l'acustica del locale era scadente, faceva freddino, occorreva stare in piedi: forse un ambiente più confortevole avrebbe giovato all'evento, per lo meno avrebbe reso giustizia a coloro i quali erano intenzionati sobbarcarsi il no-stop di 12 ore per farsi una scorpacciata della loro musica preferita. Il prog ha dimostrato comunque di essere, per chi ancora non lo sapeva, un genere di nicchia. Questo, va detto, non necessariamente é un difetto...bisognerà però  tenerne conto nell'organizzazione di eventi futuri.

Ho appena ascoltato il vostro album, “The missing fireflies” e sono rimasto colpito dalla “freschezza” di questa musica che, nonostante sia in un buon momento di riscoperta, resta prodotto di nicchia. Che giudizio ti senti di dare sulla musica progressiva e, più in generale, sulla situazione attuale del mondo musicale?
La musica progressive sta riscuotendo un rifiorito interesse, specialmente (e questo è straordinario!)da parte di giovanissimi. Poi, ci sono neonate band (non faccio nomi per non far torto a nessuno) che non hanno nulla da invidiare alle più blasonate formazioni dei '70. Ciò non può che far piacere a chi ha a cuore la buona musica. E' purtroppo, come hai detto, un fenomeno di nicchia: l’ "usa e getta" continua ad imperare; ma è un segnale positivo, qualcosa sta cambiando.

Tra poco partirete per l’oriente, in buona compagnia, ed è questo un fenomeno ripetitivo per certi gruppi di casa nostra. Perché, secondo te, esiste tale entusiasmo da quelle parti e si spendono fior di quattrini per un concerto, che spesso in Italia non raccoglie pubblico nemmeno se è gratuito?
Ahi, qui tocchi le dolenti note! Potrei rifugiarmi in un "nemo propheta...", ma non è qualunquismo, credo veramente che un fondo di verità ci sia. Anche qui da noi regna l'esterofilia, da sempre. La qualità non c'entra. Se ProgLiguria fosse stato fatto a Tokio, probabilmente avrebbe fatto sold out. Oppure può essere che il pubblico giapponese sia più maturo, meno legato alla musica di plastica, non lo so... lo verificheremo a breve!

Quali  sono secondo te i reali stimoli che portano alle tante reunion di band “ferme” da svariati lustri?
Beh, non sicuramente il miraggio di facili guadagni! Il prog non paga, o perlomeno paga poco. Credo prima di tutto la passione, l'amore per la buona musica, il desiderio di sentire ancora quelle vibrazioni fantastiche che caratterizzavano il prog degli anni '70. Per La Locanda delle Fate è stato così. Rifare dal vivo certi passaggi musicali, o ascoltare la voce di Leo,  è stato riprovare brividi nella schiena, esattamente le stesse sensazioni che provavamo nella cantina di corso Savona di Asti quando ci vennero per la prima volta, felici e meravigliati di aver fatto qualcosa di grande, almeno per noi.

Cosa significa per te performance live? Cosa riesci a stabilire con chi ti è di fronte durante un concerto?
Per un musicista il pubblico è fondamentale. Ti stimola, interagisci; non potresti mai dare la stessa prestazione in una sala prove o in uno studio di registrazione. Dovresti farti una flebo di adrenalina, per avere la stessa carica. Poi, noi abbiamo Leo che, figlio d'arte (suo padre Ugo era un valente attore),riesce magistralmente ad instaurare con il pubblico un legame diretto, non lasciando mai cadere l'attenzione. Non ultimo, il piacere sottile di rimettersi in gioco. Lì salti senza rete, se cadi ti fai male, ma se fai un bel salto la gratificazione che senti dentro di te è infinita.

Ripensando alla storia de “La Locanda delle Fate”, esiste qualcosa che cambieresti, se potessi tornare indietro nel tempo?
Beh, quando ci formammo nel 1971, non avevamo in mente di avere in tasca i numeri per arrivare ad un discreto successo. Eravamo consci di essere "forti", questo sì, suonavamo i pezzi più difficili, ci sfidavamo continuamente. Forse avremmo dovuto pigiare un po' di più sull'acceleratore, arrivare un po' prima a "Forse le Lucciole", in modo da prendere un po' prima il treno su cui viaggiavano già Banco, PFM, Orme, ecc.

Qual è la soddisfazione maggiore derivante dalla realizzazione e dall’uscita di “The missing fireflies”?
Sentire dei giudizi come la premessa alla tua seconda domanda! A parte gli scherzi, condividevamo un po' il rincrescimento di non aver dato alla luce in studio pezzi partoriti nei '70, delle stessa dignità degli altri di "Forse le lucciole", come "Crescendo" e "La giostra". Registrarli è stata dapprima un'emozione forte, seguita poi dalla soddisfazione di essere riusciti nell'intento di rendere loro giustizia.

Fuor di retorica, che consiglio ti sentiresti di dare a chi, in giovane età, toccato dal sacro fuoco della passione musicale, decidesse di perseguire la strada della musica, con l’intento di viverci?
Con l'intento di viverci? Beh, sicuramente direi di non dedicarsi al Prog! E' un genere troppo di nicchia per poterci campare. Gli consiglierei di seguire le vie del Rock-Pop, cominciando magari a suonare dapprima con una buona cover-band, tanto per farsi le ossa, poi tentando di passare in qualche band che faccia pezzi originali, con un suo pubblico. Se poi, oltre che musicista, fosse anche autore, allora decisamente quello sarebbe l'indirizzo giusto. L'industria discografica ha sempre fame di pezzi buoni ed originali: difficilmente un grande pezzo rimane nel cassetto.

Esiste un gruppo guida che vi ha ispirato sin dagli inizi e che continua a essere una fonte di influenza filosofico musicale?
Come Locanda delle Fate cominciammo nel 1971 a fare le cover di gruppi come King Crimson, Genesis, Gentle Giant, E.L.P., Jethro Tull, Chicago, Blood, Sweat & Tears ed altri. Tutti ci ispirarono qualcosa, ma credo che i più significativi siano stati i primi tre. Però, quando ci ritrovammo in cantina a fare pezzi nostri ("Forse le lucciole.."), ci accorgemmo ben presto che le nostre melodie accendevano in noi una magia particolare, molto più grande di quella che poteva suscitare l'esecuzione di una cover, pur se bella o impegnativa musicalmente.

Mi racconti un aneddoto, positivo o negativo, ma significativo, che ha caratterizzato la prima fase di vita della band?
Nel 1975, quando ormai avevamo già registrato il demo di "Forse le lucciole..", capitò che in zona capitasse il Banco. Andammo tutti al concerto poi ci ritrovammo insieme, Locanda e Banco al completo, a casa di Leonardo per la classica "rimpatriata" . Leo cucinava la carne alla griglia e faceva il mangiafuoco: beveva petrolio e poi lo spruzzava via, incendiandolo con un tizzone acceso. Furono loro, alcuni dei quali erano amici d'infanzia di Leo e compagni nelle "Esperienze", ad ascoltare in anteprima il nostro nastro con i provini dei pezzi di "Forse le lucciole". Furono sempre loro, ed in particolare Francesco, ad incoraggiarci ad andare avanti. Quei commenti autorevoli  e positivi ci fecero capire che ce la potevamo fare.

Che cosa è lecito aspettarsi dalla “Locanda” nell’imminente futuro?
Sicuramente dei concerti live, poiché dopo la reunion abbiamo riscoperto il piacere di salire su di un palco. Nel frattempo, in cantina, cercheremo di mettere giù qualcosa di nuovo. Obbiettivo: dovrà essere un album di matrice prog che non sfiguri  nei confronti di "Forse le lucciole...". Abbiamo già imbastite diverse idee. Sappiamo che è un obbiettivo molto sfidante, ma le sfide ci piacciono.