venerdì 11 marzo 2011

Tanti auguri Robin Trower

Ha compiuto due giorni fa 66 anniRobin Trower, nato il 9 marzo del 1945, a Catford, South East London. Il suo nome è legato principalmente al gruppo dei Procol Harum, ma è intensa la sua attività che si dipana tra “Robin Trower Band, Bryan Ferry e, ultimamente, Jack Bruce.

Ho preso in prestito qualche curiosità dalla rete.

“… è uno dei pochissimi chitarristi inglesi assoluti signori del tocco e dell’espressione. Non solo li ha fatti suoi, con una consapevolezza istintiva del loro potere, ma anche sono essi ad aver scelto di vivere fra le sue dita. Viene criticato per le sue influenze (Hendrix): non mi interessa. Girai l’America nel 1974 con i Ten Years After come attrazione principale, i miei King Crimson secondi e il suo gruppo in apertura e quasi ogni sera mi ritrovavo ad ascoltare quest’uomo che vive per cose che vengono da molti considerati dettagli: la qualità del suono, le sfumature di ogni singola nota e svisata, l’abbandono costante alla sensazione del momento. Conoscerlo mi ha salvato la vita. Tornati in Inghilterra, pensai bene di prendere lezioni di chitarra da lui.”

Queste ammirate parole rilasciate da Robert Fripp, chitarrista dall’approccio musicale agli antipodi rispetto a Trower e forse per questo ancora più avvertito e consapevole del tipo di talento in possesso del suo collega, condensano al meglio quanto di speciale compete a questo schivo maestro della Fender Stratocaster.

http://www.trowerpower.com/

Io ho un ricordo personale, avendo assistito ad un suo concerto un anno e mezzo fa, quando si esibì a Savona in trio, con Jack Bruce e Gary Husband:

http://athosenrile.blogspot.com/2009/07/concerto-savonabruce-trower-and-husband.html

Metà di quel concerto lo vidi praticamente sul palco e osservare da vicino musicisti di tale valore è davvero una grande emozione. Ero a un metro da loro, in un angolo quasi buio, in attesa che rientrassero per il bis e… chi avrebbe mai immaginato potesse accadere!

Alla fine Trower fu il più gentile, un campione... anche di semplicità.