venerdì 6 novembre 2009

Prog Family a Savona



29-30 ottobre 2009: racconto volutamente poco tecnico di una due giorni indimenticabile.

Come consuetudine dovrei descrivere il concerto appena visto, quello degli Osanna, di Dave Jackson, di Sophya Baccini, di Gianni Leone e di G.C. Neri.
Un evento partito da lontano, fortemente voluto da Black Widow, in collaborazione col Comune di Savona, un’occasione per registrare il DVD del gruppo.
Ma raccontare la due giorni appena vissuta richiede molto di più di un semplice commento pseudo tecnico, e dividerò in almeno tre episodi ( tre post) il materiale che ho raccolto, nella mente e nella videocamera.
Prima gli Osanna e gli ospiti della Prog Family, poi qualcosa di specifico su Dave Jackson e terza parte per G C Neri.

All’ultimo minuto…
Le cose speciali nascono per caso, quasi sempre.
Un paio di settimane fa Lino Vairetti mi chiede se è possibile utilizzare la neonata sala prove dell’Artisi, da me pubblicizzata su facebook.
Lo scopo è quello di riprovare assieme a Dave, i pezzi suonati l’ultima volta a luglio.
Ci organizziamo e con la piena collaborazione di Fulvio Marella, gestore della sala, non solo si realizza una inusuale serata di prove, ma si riesce a mettere su una cena, per gruppo e seguito, festeggiando così il compleanno di Lino.
Qui si realizza l’alchimia.
Dopo una bella tavolata, infarcita di pasta al forno, fotografie e dischi autografati, si parte con la musica… e non si smette più.
Due ore filate con tutti i protagonisti in tiro e noi, pubblico attento, in visibilio.
Mai mi era capitato di sentire/vedere un ambiente così carico di emozioni, e la soddisfazione dei musicisti e’ apparsa la stessa nostra, pubblico incredulo.






Conoscevo Lino e Sophya, grandi artisti, ma non avevo mai sentito dal vivo i ragazzi del gruppo, della grande Prog Family.
Leone si ricorda di avere suonato l’ultima volta a Savona, al festival di Altare, quello in cui io ero presente, sedicenne già preso dalla musica.
A Jackson dedicherò un capitolo a parte.
Difficile poter spiegare cosa si prova ad avere vicino l’uomo che per primo vidi dal vivo , il 30 maggio del 1972 a Genova, concerto pomeridiano all’Alcione, con i Van Der Graaf.
Provo a evidenziarlo e lui sorride, anche se di certo non riesce a immaginare cosa voglia dire per me poter avere uno scambio di battute .
Fulvio gongola: dopo avere messo tanto impegno per far nascere questa sala prove, la soddisfazione di vederla “usare” da cotanto talento, deve essere grande.
Siamo tutti euforici, e anche chi aveva intenzione di scappare subito dopo la cena non riesce a staccarsi dall’Artisi.
Sophya Baccini e Gianni Leone si dimostrano grandi musicisti, e persone disponibili e alla mano.
Per qualche ora anche noi siamo nella Prog Family.






Arrivo a casa all’una , dopo aver fatto provare a Gennaro Barba, il batterista, il mio scooter, e mia moglie si sveglia. Le racconto di come a un certo punto, durante “A zingara”, un brivido mi sia partito dal collo e sia sceso sino in fondo, ma non sono certo che riesca davvero a capirmi!

Il concerto…

Sono in teatro attorno alle 17 ed è in corso il soundcheck, con il service di Mazzitelli impegnato a far quadrare i suoni.
E’ presto e con Sophya e Gennaro si entra nel budello del centro storico.
Savona pare piaccia a tutti!
Quando inizia il concerto la platea è quasi piena.
Si ritrovano gli amici di sempre, i soliti afecionados che difficilmente perdono eventi simili.
Dopo Neri, di cui parlerò in post dedicato, arrivano gli Osanna.
Lino ha la sua maschera da palcoscenico, e Dave fa miracoli con tutti i fiati possibili.
Gianni Leone ci ricorda cosa vuol dire abbinare tecnica e spettacolo mente Sophya si dimostra ancora una volta cantante incredibile.
Elio Eco si unisce con la sua tamorra.






Che dire dei ragazzi del gruppo, Irvin Luca Vairetti, Fabrizio Fedele, Sasà Priore, Nello D’Anna, Gennaro Barba, Fabrizio Fedele … talentuosi !
Sento i commenti e tutti sono entusiastici e molti si sbilanciano parlando di uno dei migliori concerti degli ultimi tempi a Savona.
Sono sicuro che per il “perfezionista” Vairetti, la soddisfazione non è totale, ma la risposta e il giudizio del pubblico hanno profondo significato.
Io, ancora stordito dal giorno precedente, sono colpito nel profondo, e ancora oggi, a distanza di una settimana, ho tutto in giorno in testa i brani del disco.
La serata(la nottata) prosegue in una brasserie di fronte alla fortezza del Priamar e Jackson non perde occasione per fotografare a ripetizione.
I”giovani Osanna” attraversano la strada sulle strisce, con me intruso, e Dave realizza una nuova “Abbey Road”.
Forse siamo in 50 al tavolo, pieno di amici e musicisti, con frammenti di storia del prog italico.
Sono le 4 del mattino quando telefono a Fabrizio Cruciani e gli chiedo se il suo pub, il Van Der Graaf , è ancora aperto… lui ci sta aspettando… anche se ormai aveva perso la speranza di vedere Jackson da vicino, nel miglior contesto possibile.
Savona è vuota, tutti dormono quando entriamo al pub.
Qui si respira musica e tutti sembrano gradire.
Di sicuro gradisce l’ex sassofonista dei VDGG, che vede un locale aperto in onore del suo antico gruppo.






Alle 5 del mattino cerco la via di casa, con mia moglie accanto, mentre la Prog Family resiste nel pub.
Un grande due giorni, fatta di musica e di nuove amicizie. Parola grossa “amicizia”? La musica può davvero tutto.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Complimenti! è grazie agli appassionati come te che c'è ancora speranza per la musica di qualità! al prossimo evento! dov'è il Pub Van Der Graaf? mazz