giovedì 7 maggio 2009

"Per Viam"- Antonius Rex




Avere in mano la copertina di “Per Viam” è stimolante e inquietante allo stesso tempo.
Il gruppo è Antonius Rex, una novità assoluta per me.
Eppure la genesi risale addirittura a fine anni 60!
Antonio Bartoccetti, oltre a creare musica poco convenzionale è anche musicista alternativo e poco incline ai compromessi tipici dell’ambiente, e interessato principalmente alla personale proposta musicale.
Nella video intervista a seguire il personaggio di delinea in tutta la sua complessità.
Non saprei come definire e catalogare Per Viam.
Atmosfere rarefatte, religiosità, magia, irrazionalità, preghiera… davvero tanti gli ingredienti.
C’e’ del prog, del rock, c’e’ del Dark.
L’ho ascoltato due volte consecutivamente.
Mi ha colpito immediatamente “Woman of the King” che, messo a tutto volume, ad occhi chiusi, conduce in “terre antiche” e produce emozioni a raffica.
Brano avvolgente, con ritmi incalzanti e motivi di stampo medioevale.
Sette brani in tutto, con la “Micro Demons” d’apertura presentata nel filmato a fondo post.
Disco pregevole, non per tutti, ma secondo me in grado di suscitare interesse in chi ama percorre strade musicali poco ortodosse.




ANTONIUS REX - Full Biography

In Milan in 1968 the composer Antonio Bartoccetti founded the groups Jacula and Antonius Rex, with a view to transform into music a series of theological-philosophical and esoteric observations, which were the fruit of a close association with the mystic Franz Parthenzy. In London in 1969 Antonio Bartoccetti managed to cut the first "embryonic" LP, entitled "In Cauda Semper Stat Venenum". Realising that this work would be difficult to market, designer and producer Travers issued just a few hundred copies in a plain black and white cover and gave them away as a symbolic and magical gift to monasteries and made no attempt to get the LP distributed.
In 1972 the same musicians (Bartoccetti vocals-guitar-bass, Norton voice-piano-synthesizer, Tiring church organ), cut the second album under the name Jacula, entitled "Tardo Pede In Magiam Versus": the album, while qualitatively valid and extremely innovative, turned out to be a commercial flop: Jacula broke up and was reborn at the same time as Antonius Rex. During his military service in 1973 Antonio Bartoccetti thought about a new group and a new album, many songs of which had already been composed by Doris Norton and him in 1971.
In 1974 the two musicians went back to London where they got to know Albert Goodman, an aristocratic practioner of the occult, wealthy owner of country estates with his own castle and indipendent Darkness record label and hobby percussionist. After ten days of intense rehearsal, the three of them, together with engineer Coldweiss, went into the Mondial Sound Studios in Milan, famous for its then state-of-the-art technology and recorded the third album (the first as Antonius Rex), entitled "Neque Semper Arcum Tendit Rex". Produced by Mr.Albert Goodman.... the six recorded tracks are typically dark-progressive and meticulous to the point of madness. Albert was delighted with the result and spared no expense producing the album, which was recorded in just 38 days, to which can be added another ten for the mixing carried out by the excellent engineer Coldweis.
Albert Goodman went back to London with the master tape, published a demo LP with a really strange black and white cover, including on the front magical symbols and a "diabolical" letter dated 1624. Albert Goodman was good friends with two directors of the Vertigo record label. The label thought the album was great, but they were not so sure about the cover: that cover with those symbols and that letter were just too much! They even suggested dumping the song "Devil Letter", but the group had no intention of doing that and were certainly not inclined to change a single thing.
Albert was very un happy about all of this.... Antonio Bartoccetti and Doris Norton had a good laugh about it and accepted it as sign of magic destiny. In fact, Giulio Tasnad, the Rumanian esoteric expert, declared publicly in 1975 that, whoever listened to the song "Devil Letter", read the Letter backwards on a Friday night and put eight of the symbols featured on the LP cover on a table, would be absolutely certain to have a close encounter with the Prince Of Darkness. After this event however, Antonius Rex lost momentum, record company interest waned and the desire to record new music was missing. Even when the wealthy Jewish record company editor, Mr.Daniele, who, together with his two American partners was highly impressed with the album "Neque Semper Arcum Tendit Rex", wanted Antonius Rex for new albums at all costs: Antonius Rex were just interested in money.
The guiding principle for 1977 became "only money" because as Antonio Bartoccetti explained: "when you have a son, life changes and you have to start thinking about him as well". For this reason the album "Zora" (pre-recorded in a hurry in a private studio in 1975), in both its first and second editions turned out to be an uninspiring work, decidedly absurd.... songs from the second album "Tardo Pede In Magiam Versus" were included with just the edition of a few drum fills from Albert. Doris Norton played keyboards, but between one recording session and another she was breast-feeding her son, even if the progressive-piano of "Necromancer" is still fantastic. Antonio Bartoccetti played Gibson guitar live in the console, smoking and anxious to get it over and done with. He sang just two words in "Necromancer" but then got his friend Franco Mussita to sing "Zora".
Tickle continued to dish out money, some of which was used to self produce the album "Anno Demoni", which the group defined as an appropriate document of electronic-dark.... the same thing happened with the album "Ralefun", recorded in 1979 at the request of Mr.Daniel in Munich: good compositions but recorded in too much of a hurry and without much care, with a lousy sound and poor mixing (Colin Coldweis was not at the controls)..... the mixing was done without the knowledge of the group. Despite all this the album "Ralefun" enjoyed a certain success. So as not to disappoint their fans, Antonius Rex, with the money got after breaking the contract with Emanuele Daniele, went into the 24 track Zanibelli Regson (Milan) studios in May 1980 and self produced, in a completely indipendent and creative way, their album entitled "Praeternatural". This album was a limited edition for the Musik Research record label and the musicians sold autographed copies only to fans from all over the world, who came at periodic intervals to visit them in their Convent-Castle.

2004: "MAGIC RITUAL" (DVD side 1, CD side 2)
2005: album "MAGIC RITUAL" (only LP)
2006: album "SWITCH ON DARK" (LP, digipack) including video “Perpetual Adoration”
2009: album "PER VIAM" (LP, digipack) including video “Micro Demons”
“Per Viam” videos 2009:
- “Micro Demons” (clip)
- “Ipse Dixit” (promotional)
- Lara Fasson (“Per Viam” promotional)
- “Angels & Demons” (clip)




Il mio incontro con il chitarrista Antonio Bartoccetti
La prima cosa su cui ho riflettuto è legata al fatto che tu hai pubblicato la tua musica agli albori del prog. Sembra anche che non hai grossa propensione a “contaminare” il tuo lavoro con i compromessi che normalmente servono per uscire dalla nicchia, aiutati dalla pubblicità. Come stanno le cose?

Partiamo dal concetto che "globalmente il tutto è falso" per dedurre che la gran parte della esistenzialità degli umani si basa sul compromesso e sulla violenza. Il solo fatto di essere nati senza averlo scelto è fin troppo eloquente. Conosco gente che ritiene l'uomo un errore di Dio... io la vedo diversamente, ma solo perché la Fortuna mi ha sorriso. Già dagli anni '70 ogni band avrebbe venduto la propria madre in cambio di passaggi televisivi.... per nostra saggezza noi abbiamo condannato la Dea Tv già dal lontano '74. Quindi nessun compromesso ne ieri ne oggi... oggi che la Tv è finalmente in agonia.

Che cosa ha maggiormente influenzato la tua formazione musicale?

Sicuramente alcuni compositori classici tipo Debussy, Ravel... quindi un produttore eccezionale rispondente al nome di Robert Fripp e anche, parzialmente, la musica di Peter Hammil e dei suoi insuperati V.D.G.G.. Ma c'è stata anche un'influenza grafica unica: la copertina del primo album Black Sabbath; penso che quell'immagine sia stata di ispirazione per centinaia di artisti rock-metal. Naturalmente le nostre "cose" erano totalmente diverse... copertine mystic-dark tipo "In Cauda" e "Tardo Pede" ed un tipo di musica iper-personale e naturalmente invendibile. C'è stato qualcuno che ha paragonato il nostro sound di quell'epoca a Black Sabbath, a Deep Purple... quel qualcuno non è ne posseduto ne drogato… è solo un paziente psichiatrico... anche se la psichiatria è un furto legale. A tale scopo amo seguire due pazienti con problemi dando loro delle indicazioni attraverso la filosofia.

Ho inserito l’articolo su di te su Facebook e l’ho condiviso con amici, la maggior parte musicisti o affini. La cosa su cui ho trovato tutti d’accordo è l’originalità, la personalità e il coraggio di proporre materiale che è tutt’altro che easylistening. Uno con orgoglio mi ha scritto:”Io lo passo sempre nelle mie trasmissioni radio!”. La tua musica rispecchia la tua personalità, il tuo quotidiano?

Si... ma in modo parziale... rispecchia solo porzioni del quotidiano. Non puoi vivere quotidianamente le 24 ore al giorno in quei mondi. Puoi farlo di notte in determinate notti, puoi farlo dopo l'abbraccio virtuale di uno spirito, puoi farlo nel corso di un Sacrificio, puoi farlo quando hai deciso di idealizzare una persona o quando devi guardare attraverso le fenditure il metodo con cui il sapere è trasmesso e dedurre che tutto vive in catene d'astuzia.

Il mondo musicale che ci arriva attraverso i media è di infima qualità ma è quello che, forse, la maggior parte dei giovani vuole. Pensi che ci sia spazio per qualcosa di culturalmente più avanzato, per qualcosa di metafisico e trascendente, per la religione, per la letteratura?

Purtroppo no... andiamo fatalmente verso il peggio con la concretizzazione di un progetto globale di annullamento delle Volontà... questo fa comodo al potere. Ora abbiamo tossici e puttane già a 12-13 anni... arriveranno a 18 senza più stimoli vitali o cognitivi... questa è una delle vendette divine. C'è naturalmente spazio per "qualcosa di più" ma a livello di nicchie poiché questo è il tempo dell'ultra-limited. Adesso ascolto i Dream Theater... non sono creativi ma sono oggettivamente iper a livello esecutivo, presentando la contemporaneità del Prog.

Come ho scritto a inizio post, mi ha colpito subito “Woman Of The King”. In questo c’è poco di razionale perché al primo ascolto non avevo ancora metabolizzato il testo. Ti gratifica o ti infastidisce il fatto che si possa anche essere rapiti dalla tua musica istintivamente, senza una comprensione totale?

Penso che ogni musicista abbia nella mente una "Donna del Re"... più il rapporto è unico e più il Re le può parlare pianissimo. Per adorarla deve ucciderla... non è semplice da comprendere ma è solo drammaticamente così. A livello timbrico ho usato un paio di plug-in di arpa e liuto pilotati da una delle mie Gibson elettriche: il risultato è positivamente dolce e dicono, impressionista: mi auguro possa generare sensazioni visive.... se poi tutto questo non è dettagliatamente compreso so che ci sono sempre le impressioni epidermicamente primarie.

Ci sono relazioni fra la song Angels & Demons e l'omonimo film?

Avevamo deciso di fare "Angels & Demons" nel Gennaio 2007... subito dopo, una volta scritta la micro-sceneggiatura che includeva una messa cattolica, una sequenza di simboli, il messaggio "Illuminati", una virtuale sacerdotessa (interpretata dall'attrice Claudia Mengarelli) ed ovviamente la 6 corde, l'abbiamo incisa in 4 turni. Il brano non ha nulla a che vedere con il film omonimo... film che è una cazzata solenne e che si avvale di una colonna sonora a mezza strada fra l'infantile e il demenziale. Un altro errore della Chiesa è che questo film non porterà nuove vocazioni alla Chiesa stessa.




Da sempre collabori con personaggi esoterici. Oggi chi è al tuo fianco?

Ho iniziato a 15 anni con il mago Parthenzy fino ad arrivare alla veggente rumena Monika T.. Oggi c'è Francesca... anni 74... con la mente e il corpo immortale di una 35enne. E' una veggente di energia totale, assolutamente eccezionale in grado di agire anche nella magia non bianca. Insieme abbiamo elaborato "Pre Viam" (non "Per Viam") e ci lavoreremo ancora visto che le parti di tastiere andranno rifatte... parleremo anche di possessioni toccate con mano.

Come nasce la collaborazione con Black Widow?

Un giorno vennero da me Laura e Mass della Black Widow... parlammo di musica, di arte, di ipotetiche ristampe, di nuovi progetti e anche naturalmente di vile denaro. La prima regola è stata "libertà assoluta" per i nuovi album... e così è stato. Tutto questo non puoi concretizzarlo con una major i cui art director non capisco un "C".

Quanto conta nel tuo lavoro la perfezione tecnologica? Si possono ricreare certe atmosfere unplugged?

La band crea ed incide la Sua musica personale che trova la sua ragione di esistere nella manualità, nelle composizioni spontanee, nelle micro-sceneggiature pre-incisioni, nelle dinamiche, nelle sfumature, negli ambienti e solo parzialmente nei testi... quindi il computer svolge soltanto due ruoli: primo quello di registratore multitraccia e secondo quello di archivio timbrico... abbiamo in studio circa 8.000 suoni di cui 6.000 creati da noi per qualsiasi genere musicale ma ovviamente noi amiamo le "fusioni timbriche" che riescono a dare un tocco di unicità. Anche la chitarra elettrica, strumento sacro per un certo tipo di progressive, la faccio passare in 6 o 7 fra effetti e plug-ins.

Chi compra i tuoi dischi, riferito alla fascia di età?

Abbiamo schedati quasi 30.000 fans con cui siamo in rapporto email... la loro età media è nel mezzo del cammino e sono prioritariamente donne... questo perché le donne hanno vitalmente bisogno di accendere un sogno almeno una volta nella vita. Ma recentemente abbiamo scoperto anche fans giovanissimi e questo è un vero mistero della fede.

Antonius Rex Prophecy è davvero shock... esistono progetti collaterali?

C'è chi dice che il mondo finirà nel 2012.... la profezia Antonius Rex inclusa in "Per Viam" dice che questa data sarà immediatamente dopo il 2018. C'è in progetto per questo brano di realizzare un dvd con almeno 10 interpretazioni diverse di 10 artisti provenienti sia dal cinema, che dal teatro, che dalla Tv, che dalla strada. Abbiamo iniziato le registrazioni e staremo a vedere.

Corre voce che Doris Norton, colonna portante degli Antonius Rex, abbia deciso di abbandonare la band. E' dunque vero?

Penso che la Sua esistenza stia diventando sempre più mistica . Doris Norton ha deciso di non suonare più le tastiere degli Antonius Rex quando ha letto la sceneggiatura definitiva del video "Micro Demons" (che non ha voluto dirigere) ... non è stata d'accordo sull'insert delle donne vampire sul messaggio troppo oscuro che il video comunica e così ha detto addio alla band... e come tutti sanno i grandi mantengono le decisioni. Questo è comunque un problema perché non so dove trovare una tastierista così eccezionale e anche perché lei vuole che vengano tolte tutte le parti di piano e tastiere del prossimo album
"Pre Viam" (prima del cammino) ... un vero iperbolico problema anche in
vista del tour che sta organizzando la label.

Quali sono i tuoi programmi futuri? Quando uscirà il già mitico "Pre Viam" e che cosa differenzia questo titolo da "Per Viam"?

"Pre Viam" è stato programmato per il giorno 1 Settembre 2009 ma dovendo rifare tastiere, clavicembali, organi e piani, proprio non lo so. Non c'è nessuna differenza fra i due titoli "Pre Viam" e l'attuale "Per Viam"... prova a fare un magico anagramma e scoprirai magicamente che sono fatalmente uguali nel concept... ma non solo!




Video intervista





PER VIAM



DESCRIZIONE:

Antonius Rex ritorna con questo lavoro basato su composizioni esoteriche realizzate da Antonio Bartoccetti.
Doris Norton riprende il ruolo di tastierista, arrangiatrice, ingegnere del suono e programmatrice dei calcolatori.
Questo nuovo incredibile album ancora una volta rivela che forze invisibili sono capaci di penetrare in ogni essere umano essendo coinvolte in una personale e soprannaturale ricerca tesa alla fusione di magia ed esperienze mistiche estreme.
L’album fornisce una serie di visioni “scure” a volte paradisiache e altre terrificanti, mettendole a disposizione dell'ascoltatore per il raggiungimento della fusione subliminare.
I mortali, ascoltatori dell’album, ottengono un potere paranaturale e diventano capaci di vivere liberi, lontani dalla stupidità, dagli alienanti e dementi problemi della vita quotidiana.
Il chitarrista Antonio Bartoccetti, come nel precedente album, ha scritto in primo luogo la video sceneggiatura di ogni traccia, poi ha composto le tracce audio e ha registrato tutto l’album: il lavoro è stato completato in 14 mesi.
PER VIAM… il più grande , fantastico, iperbolico, mistico, progressivo, sognatore, visionario, incantevole, e terrificante nuovo album di Antonius Rex.

TRACK-LIST:
Micro Demons 5,05
Per Viam 6,39
Woman of the King 8,52
Spectra 7,49
UFDEM 6,28
Antonius Rex Prophecy 11,14

Extra tracks CD-ROM Video
Micro Demons 5,05
Label:Black Widow
LINE UP:
Antonio Bartoccetti: vocals, guitars
Doris Norton: keyboards, vocal, digital drum, sound construction, computer
Florian Gorman: acoustic drum
Monika Tasnad: medium
Guest:
Rex Anthony: synthesizer on Per Viam, Ufdem, Antonius Rex Prophecy