lunedì 14 settembre 2009

Glauco Cartocci a Savona e Sassello

L’estate che sta per terminare è stata densa di avvenimenti significativi.
Vorrei fare tra qualche giorno una specie di lista, nella speranza che anche il mese di settembre mi regali qualcosa da ricordare per sempre.
I miei momenti “importanti” sono spesso legati al mondo musicale, ma alla fine le escursioni in quella che io definisco la “sfera magica”, diventano un mezzo efficace per arrivare a nuove conoscenze e quindi a nuove esperienze.
Scelgo oggi un incontro di metà estate, riuscito sotto tutti i punti di vista, e nemmeno i contrattempi caratteristici di ogni evento, sono riusciti a scalfire la sua qualità.
Faccio un passo indietro.
Da molti mesi la mia amica Danila Cerato aveva preso un accordo con Glauco Cartocci per organizzare la presentazione dei suoi tre libri “musicali” a Sassello, in provincia di Savona.
Glauco è un amico romano, dai più ampi interessi, e nel caso specifico si sarebbe ovviamente presentato come scrittore.
Di lui ho recensito(parola grossa) un libro, “ Com’era nero il vinile”, e il mio pensiero è riportato nella seguente pagina:
http://athosenrile.blogspot.com/search/label/Glauco%20Cartocci

Col passare del tempo (la pensata era di inizio anno), ha preso corpo l’idea di realizzare un doppio incontro, Savona prima di Sassello, il tutto favorito dall’accordo con Sandro Signorile, musicista e musicofilo, e Barbara Rossetti, che hanno messo a disposizione la loro tipografia, la Sxs, che si è dimostrata una splendida location.


Per una serie di motivi la decisione finale è stata presa solo nell’ultima settimana e si è quindi dovuti ricorrere ad una sorta di improvvisazione, almeno per Savona, la cui più grave conseguenza è stata la mancanza di parte dei libri destinati ai presenti, arrivati poi per il secondo incontro a Sassello.
Ma di quali libri sto scrivendo?
Oltre al già citato “Com’era nero il vinile”, “L’uomo dei rockodrilli” e forse il più famoso “Il caso del doppio beatle”, il volume che ha favorito le numerose frequentazioni di Glauco in televisione in qualità di esperto “beatlesiano”.
Nelle previsioni iniziali “Il caso del doppio beatle” doveva rimanere argomento per la seconda serata, ma la curiosità di conoscere la verità su Paul McCartney ha portato il competente pubblico a spingere verso “Abbey Road”, e Cartocci non si è tirato indietro.
Il possibile flop di questa prima presentazione era legato ad alcuni aspetti significativi.
Poco tempo per avvisare i possibili interessati (3 giorni), una data infelice, il 31 luglio, vuoi per la gente in vacanza, vuoi per il caldo e vuoi perché i venerdì sera estivi di una città che vive (e quasi dorme) negli stabilimenti balneari, significano muscolate, spaghettate e cene in compagnia.
Nonostante questo il pubblico era presente, e come sottolineavo prima, competente.
La tipografia Sxs è stata "modificata", trasformata dalla presenza massiccia di vinili, strumenti e ampli, mentre una zona è stata allestita per il catering… un’ organizzazione davvero “adulta”.

video

Per la cronaca, la serata era nata sotto il patrocinio dalla neonata associazione culturale “LiberArti”, di cui molti dei presenti fanno parte.
Un po’ di presentazione dell’autore e dei suoi tre libri, e tante domande che hanno stimolato Glauco ad approfondire sino a livello di dettaglio.
L’impressione che ho avuto è che, in assenza di naturali limiti di tempo, la serata sarebbe andata avanti a lungo, con soddisfazione di tutti.
Sì, soddisfazione per la riuscita dell’evento e per la rigorosità quasi scientifica con cui sono stati affrontati certi aspetti.
Gratificazioni per Glauco e signora (mi è sembrato di vederli a loro agio), per noi che già conoscevamo l’autore, e anche per chi ha avuto questo primo contatto con lui.
Come scrivevo all’inizio, un’occasione fantastica per nuove interessanti conoscenze.

Il giorno successivo, 1 agosto, replay su una suggestiva piazzetta di Sassello, paese dell'entroterra stracolmo di turisti nei mesi estivi.
Nuovo giro e nuova associazione culturale.
Un’altra bella presentazione, con un bravo introduttore (io mi sono improvvisato tale, il giorno precedente) con presenza di musicisti in mezzo al pubblico. Finalmente i libri sono arrivati!!
Un’ora di domande e risposte e poi una bella festa a casa di Danila che ha approfittato per festeggiare la laurea appena ottenuta.
Anche questa è stata un’occasione per intrecciare conoscenze e interessi, e come sempre mi capita in queste occasioni ho verificato come la musica sia un’impareggiabile veicolo che conduce a nuove amicizie.
E così vedere parlare Glauco con Albertino o i gemelli Terribile, come il giorno prima era accaduto con Franco , Marina, Ferdinando e Bobo, tanto per citare alcuni dei presenti, come fossero amici di lunga data, mi ha dato molta soddisfazione e devo dire che la “due giorni” che ha collegato l’asse Roma- Savona, mi resterà nel cuore per sempre.
Era forse l’una del mattino quando lasciavamo il giardino di Danila, stanchi e contenti, ma con un filo di tristezza per la fine di una bella serata, non facilmente ripetibile.

(alzare al massimo il volume)


Nessun commento: