lunedì 1 giugno 2009

Rocky’ Filj


Rocky’ Filj si fecero conoscere grazie alla partecipazione come gruppo di apertura a una tournée del Banco del Mutuo Soccorso.
In precedenza avevano pubblicato solo un 45 giri, nel 1971, sotto un nome leggermante diverso, “Roky’s Fily”.
Grazie alla favorevole impressione avuta da quei concerti, riuscirono a firmare un contratto con la Ricordi e, nel 1973, entrarono in studio per realizzare il loro primo (e unico) album.
Il disco, intitolato Storie di Uomini e Non, è un buon prodotto di jazz rock che esce un po’ dai canoni del genere, vista l’assenza di tastiere e per il fatto che i pezzi sono tutti cantati. In particolare risaltano i duetti fra sax e chitarra.
Le premesse erano ottime e il gruppo avrebbe potuto ritagliarsi un buon posto nel panorama jazz rock italiano, ma uno dei componenti finì nelle maglie della giustizia e fu arrestato.
Il gruppo rimase così fermo per qualche anno, per tornare ad incidere nel 1979 un 45 giri di scarso successo, dopodiché si scioglie.
Il cantante Rocky Rossi morì nel 1985 in un incidente stradale.
Il batterista Colasante suonò nei dischi della Delta Blues Band nel 1979 e del gruppo funky Midnight Band nel 1980, mentre il chitarrista Roby Grablovitz ha continuato a suonare nel nord Italia con una cover band di successi degli anni settanta, incidendo anche un CD da solista nel 2005, intitolato Speranze d’artista e pubblicato dalla Acid Studio.

Formazione

Rocky Rossi - voce, fiati
Roby Grablovitz - chitarra, flauto
Rubino Colasante - batteria
Luigi Ventura - basso elettrico, trombone

Discografia

33 giri :
Storie di uomini e non (1973) (ristampato in CD nel 2003)


45 giri:
Ingrid/Lo spettro (1971) (come Roky's Fily)

Astrocar/Come una nuvola (1979)

Nessun commento: