lunedì 14 dicembre 2015

THE TRIP-ATLANTIDE RIMASTERIZZATO + LIVE IN TOKYO 2011: rilasciato nel 2013


THE TRIP-ATLANTIDE RIMASTERIZZATO + LIVE IN TOKYO 2011

Nel giugno del 2013 è  stato rilasciato THE TRIP-ATLANTIDE,  il digipack celebrativo dei THE TRIP. Il box è un'eccezionale Legacy Edition contenente Atlantide rimasterizzato e l'inedito Live in Tokyo 2011, che SONY MUSIC ha proposto in DOPPIO CD e in DOPPIO VINILE.
Mi piace riparlarne oggi, a un anno di distanza dalla scomparsa di Joe Vescovi.
Il cofanetto in mio possesso contiene parte della proposta, i 2 CD: il primo è  il classico terzo album Atlantide, rimasterizzato, perfetto tecnicamente, alla faccia del fruscio a cui ero abituato! Tra poco tornerò sul concetto.
Il secondo è un live inedito - Live in Tokyo 2011 - che testimonia il pieno splendore della seconda fase della band, concerto realizzato nel novembre del 2011 in Giappone, nel contesto “Italian Progressive Rock Festival”.
Andiamo con ordine, e per far ciò occorre puntualizzare che farò estrema fatica nel separare “l’oggetto” dell’articolo dai miei sentimenti, dai miei accadimenti personali, che mi legano ai Trip sin dall’adolescenza. Sono molte le cose che vorrei raccontare ma, obiettivamente, sono un fatto tra me e loro, tra me e Joe Vescovi, l’uomo che mi sembrava camminasse a un palmo da terra, quando passeggiava nel centro storico della “nostra” città, Savona, nel 1972. Avevo 16 anni.
Faccio un lungo salto all’ indietro nel tempo.
Ho pochi anni sulle spalle, ed è uso comune lo scambio dei vinili, per condividere gli ascolti: “Me lo presti, te lo riporto domani…”.
I nostri “giradischi” sono penosi, e noi incoscienti, squattrinati, affamati di musica, faremmo meno danno sull’LP se incidessimo i solchi con l’aratro del contadino, piuttosto che usare la puntina più economica esistente sul mercato.
In questo scambio di ascolti, Atlantide, il mio vinile, entra nella casa di chissà chi, e ci riesce dopo 37 anni, quando una reunion scolastica favorisce il ritorno nelle mani… del proprietario. E io che pensavo di averlo perso nel corso di un trasloco!
Provo a metterlo sul piatto ma… impossibile l’ascolto, e così decido di regalarlo, di metterlo in bella mostra in un pub cittadino, dove appena entrati, in alto a destra, è ancor oggi ben visibile.
Il pub è il Van Der Graaf ed il gestore era all'epoca Fabrizio Cruciani, ex musicista e amico di Joe Vescovi.
Ecco… chi volesse vedere il disco originale (pare che oggi abbia un buon valore commerciale, ma suppongo se integro), lo può trovare appeso ad una parete… prettamente prog.
L’aneddoto mi serve per agganciarmi alla seconda vita dei The Trip, perché il  ritrovamento del “mio” Atlantide coincide con la reunion del gruppo, fatta di titubanza iniziale, ma sfociata in momenti significativi che hanno dimostrato quanto il pubblico ami ancora certi protagonisti di una musica che è ormai immortale.
Il momento appariva favorevole, forse ci si era stufati della banalità della proposta, e probabilmente è come dice Furio Chirico: ” … la musica prog non è altro che musica classica, rivisitata attraverso gli stilemi del rock…”, e quindi ciò che è nicchia può tornare ad essere movimento corposo.
In questa ottica la riproposizione di Atlantide assume molti significati e diventa prodotto per differenti cause ed esigenze: oggetto di culto e collezione… in fondo basta aprire il digipack per emozionarsi; contenitore didattico… è il regalo che farei a qualsiasi giovane decidesse di saperne di più; musica che ben si conosce, ma che si vuole ascoltare in perfetto stato dopo la cura tecnologica; amore per il live, quello che tutti dovrebbero vivere in prima persona; possibilità di godere del più recente Arvin Wegg Andersen, scomparso nel 2012. E poi la metafora di Atlantide regge bene il confronto col nostro tempo, e mi viene da pensare, ancora una volta, a come sarebbe utile introdurre la musica nelle scuole, in  modo un po’ innovativo.
Ed è proprio al Wegg appena citato che è dedicato il secondo CD, quello che sa di Oriente, di pubblico caloroso e competente, di musicisti che comprendono che è il momento giusto per insistere: sono amati… la loro musica arriva come e più di prima.
Il mio nuovo ascolto parte dal live: la ricerca della novità detta la priorità.
C’è molto materiale tratto da Atlantide, sei tracce su otto, con la compensazione che avviene attraverso “Caronte” e “L’ultima ora ode a Jimi Hendrix”, che sostituiscono Leader ed Energia.



Aver visto gli ultimi Trip on stage aiuta nel comprendere l’atmosfera dell’album, anche se la figura di Wegg, bassista e vocalist, resta sospesa sul palco, e mi piace immaginare che il numero della sua maglietta verrà ritirato dal campo, come accade ai grandi del calcio, quando finiscono la carriera.
L’ascolto comparato permette anche di confrontare due line up differenti, e la qualità dei protagonisti non fa parte del discorso.
Se l’album “originale” ci consente di ascoltare il trio classico dell’epoca - tastiere, basso e batteria - il secondo disco presenta - oltre  a Joe Vescovi, Furio Chirico e Wegg Andersen (alla voce) - il chitarrista e vocalist Fabri Kiareli e il bassista Angelo Perini; trattasi  quindi di due filosofie musicali molto differenti, nel secondo caso con una variazione sulla suddivisioni dei compiti, e con il vantaggio della tecnologia e della forza - e freschezza di idee - di due giovanotti di estremo valore.



Grande l’energia dei fondatori. Stupisce la capacità di Vescovi di mantenere vive trame… sì, da lui disegnate, ma non certo semplici, e il riproporle intatte dopo oltre 40 anni mi pare un miracolo.
Miracolo sono anche la forza, la tecnica, la fantasia di Furio Chirico, un motore spaventoso che ha la capacità di trascinare i compagni di viaggio verso l’obiettivo, ad un ritmo che spesso appare ai limiti delle possibilità umane.
Atlantide conserva intatto il profumo della storia, e l’aver accostato il passato al risultato dell’attività dell’ultimo periodo appare come una perfetta riduzione della frattura temporale che in casi analoghi risulta spesso insanabile, nonostante sforzi imponenti e impegno costante.
Qui c’è qualità, mitologia, ricordi, sentimenti, amicizia, lavoro, sudore, scelleratezza e… il disegno di un futuro che avrebbe potuto essere roseo, se si fosse potuto proseguire.
Afferrare un’ancora di salvataggio che arriva da tempi lontani fa storcere il naso a chi vede sempre il trucco dietro ad ogni azione, ma sarebbe un errore scambiare per nostalgici gli uomini e le donne che riscoprono valori che avevano lasciato nel cassetto, dimenticati o giudicati superati: il momento della comprensione prima o poi arriva.
Anche la musica dei Trip… anche Atlantide, ha un’origine lontana, ma basterà ascoltare - o riascoltare - questo dono musicale, per convincersi che sì, forse i tempi stanno davvero cambiando.
Atlantide è uscito anche in doppio vinile - e questa è davvero una grande notizia per i cultori del genere - e qualche grazie supplementare occorre dirlo, a Pino Tuccimei in primis e alla Sony Music, disposta ad investire su un progetto di qualità, ma non certo di sicuro successo commerciale, se per successo si intende “numero di copie vendute”.


Il viaggio di Joe si è interrotto dopo che era già capitato a Billy Gray -1984 - e a Wegg Andersen (ma nella storia dei Trip, se ci si rifà alle origini, occorre ricordare anche il fondatore Riki Maiocchi, mancato nel 2004), e non avremo mai più album nuovi - salvo sorprese da parte dei The New Trip di Pino Sinnone - batterista dei primi due album - e con la certezza che la Black Widow Records rilascerà a breve un album di vecchi “live”- ma restano testimonianze come questo “THE TRIP ATLANTIDE” che non possono mancare nella collezione degli amanti d genere.


Atlantide

1. Atlantide (00:00)(VESCOVI)
(Indietro nel Tempo/Mare/Alba sul continente)
2. Evoluzione (05:25) (VESCOVI/ANDERSEN)
(Presenze di Vita/Civiltà modello)
3 Leader (08:35) (VESCOVI/ANDERSEN)
(Il Popolo crede nel capo/Promessa di una vita migliore con il dominio di Energia)
4. Energia (11:19) (VESCOVI)
(Energia è nelle mani del capo/La follia del Leader esplode/Gli uomini saranno schiavi)
5. Ora X (14:43) (VESCOVI/ANDERSEN)
(Dominerò per tutta l'eternità/Energia irrompe/Il popolo ma anche il suo capo viene..)
6. Analisi (17:39) (VESCOVI/ANDERSEN)
(Crolla l'illusione di comandare la natura/Energia distrugge l'uomo che male l'ha usata)
7. Distruzione (21:46) (VESCOVI)
(Anarchia/Cataclisma)
8. Il Vuoto (30:01) (VESCOVI)
(Scompare il continente/La Natura ha vinto)

Line Up
- Joe Vescovi / keyboards, vocals
- Arvid "Wegg" Andersen / bass, vocals
- Furio Chirico / percussion