domenica 31 gennaio 2016

MAT2020: LE ANTICIPAZIONE DEL PRIMO NUMERO DEL 2016


ANCORA POCHE ORE PER POTER ACCEDERE AL PRIMO NUMERO DEL 2016


Prima uscita di MAT 2020 nel 2016 segnata, come tutti i contenitori musicali, dalla scomparsa di David Bowie.
Francesco Pullè, recensendo a fine dicembre “Blackstar”, non aveva certamente pensato ad un epilogo così drammatico, ed ora il suo articolo descrive l’eredità lasciata al mondo da uno dei grandi della storia del rock.
Copertina obbligata!
Ma è tanta la “bella materia” presente in questo nuovo numero.

Partiamo dalla creazione di una nuova rubrica che mischia la musica al sociale, quella affidata a Carlo Bisio, uno spazio in cui si utilizzerà il mondo dei suoni per disquisire sull’argomento “sicurezza” sul lavoro, materia di cui Bisio è esperto e che rappresenta un serio problema, spesso affrontato in modo errato: parlarne potrebbe significare dare un piccolo contributo alla causa.

Non ci sono concerti nuovissimi da descrivere, ma la new entry Antonio Pellegrini racconta di un vecchio live del 2011, quello che vide protagonista Paul McCartney a Milano, e Michelangelo Lucco ci regala un fantastico articolo legato ad una band “antica” ma da riscoprire, i Gryphon: un po’ di storia, descrizione di una recente performance inglese ed esaustiva intervista ai fondatori della band.

Sono invece molti i commenti alle nuove uscite discografiche, e al già citato “Blackstar” si uniscono gli album del flautista Mauro Martello - articolo a quattro mani di Edmondo Romano e Athos Enrile -, quello degli Arti & Mestieri - di Gianni Sapia -, il primo “solo” di Elisa Montaldo - di Gianmaria Zanier, anch’esso nuovo entrato -, il ritorno all’opera rock degli UT NEW TROLLS - con sostanziosa intervista di Athos Enrile a Gianni Belleno e Maurizio Salvi - e la proposizione dell’LP “The TRIP live ‘72, un reperto documentale che riporta ad un concerto che vide il gruppo di Joe Vescovi suonare al Piper di Roma.
Molte le novità di Lizard Records, etichetta “progressiva” per eccellenza, raccolte in sezione apposita.

Franco Vassia intervista per MAT2020 Vincenzo Zitello, un polistrumentista che presenta la sua musica contaminata e affascinante.

Importanti i due reportage fotografici, il primo di Francesco Pullè che ha immortalato un concerto bolognese della Ian Anderson Band, e quello di Oriano Ficco che, presente a New York, ci regala la testimonianza di quanto accaduto davanti alla casa di David Bowie nei giorni successivi alla morte.

Spazio simbolicamente importante quello che descrive la Greg Lake's Honorary Degree consegnata dal  Conservatorio Nicolini di Piacenza, con la possibilità di accedere al video della cerimonia, avvenuta in remoto, ma con Greg collegato all’evento: santa tecnologia!

E veniamo alle rubriche:
Maurizio Mazzarella nel suo angolo metal ci descrive il progetto NERO ALCHEMIST, mentre Riccardo Storti riesuma un Alan Sorrenti post “Aria”.
Mauro Selis, nel suo "spazio psicologico”, termina il racconto iniziato lo scorso numero: sempre interessanti i suoi percorsi tra musica e mente.
Ma Selis ci regala anche ciò che nessuno ha mai pensato mai di fare, ed inizia ad analizzare il prog proveniente da un luogo a cui difficilmente si associa l’argomento musica - men che meno in questo periodo -, il Medio Oriente.
Lascio per ultimo Alberto Sgarlato perché oltre ad occuparsi di uno dei dischi che hanno segnato la sua esistenza, il favoloso “The House on the hill” degli Audience, propone un’interessante panoramica su 40 anni di rock progressivo, partendo però dal 1975, anno in cui in molti ritengono superato il momento d’oro. Dice Sgarlato: “40 titoli, uno per gruppo, uno per anno, vengono qui telegraficamente menzionati e riscoperti, per far tornare a chi ha rinunciato al rock progressivo la voglia di riscoprirlo”.
Un altro grande numero per iniziare bene il 2016, un’altra puntata completamente gratuita.

OLTRE 100 PAGINE!!!


Ultima ora: mentre il numero di MAT2020 è pronto per l’uscita giunge la notizia di un’altra perdita dolorosa, quella di Paul Kantner, di cui parleremo prossimamente.


 WWW.MAT2020.COM