venerdì 5 marzo 2010

The Renegades


The Renegades sono stati un gruppo inglese proveniente da Birmingham, successivamente stabilitisi in Finlandia e in Italia nella seconda metà degli anni sessanta.

Iniziarono suonando rock'n roll, influenzati da gruppi come gli Shadows; intorno al 1963 però subirono l'influenza del r&b e spostarono il suono verso atmosfere più dure.

L'anno successivo decisero di adottare un look originale, vestendo uniformi dell'esercito nordista della guerra di secessione e dopo aver partecipato ad una compilation di gruppi beat della città, nell'ottobre del 1964 si trasferirono in Finlandia, dove furono gli apripista per decine di formazioni beat locali e ottennero un successo pari a quello dei Beatles.

Qui incisero diversi 45 giri e due LP ed allargarono la loro popolarità in Svezia, Danimarca e Olanda.

Nel 1966 si trasferirono in Italia e a febbraio parteciparono al Festival di Sanremo, in coppia con l'Equipe 84 col brano Un giorno tu mi cercherai. In Italia ottennero un grosso successo grazie a brani come Thirteen Women, coverr di un classico di Bill Haley, e Brand New Cadillac.

Poi dopo una svolta decisamente più soft e commerciale e un paio di cambiamenti di organico il gruppo ottenne gli ultimi successi con brani come Lettere d'Amore (rilettura di un brano diElvis Presley) e L'Amore è blu, fino a scivolare lentamente nell'oblio.

Di loro si ricorda anche una curiosa e chiacchieratissima storia d'amore tra il biondo Kim Brown e l'attrice inglese Margareth Lee, ai tempi molto famosa nel nostro paese.

Il gruppo però ebbe modo di mettere in mostra anche il suo lato più "progressivo" pertecipando alla colonna sonora del film "L'Interrogatorio" di Vittorio De Sisti, uscito nel 1970.

I Renegades pur non essendo sciolti ufficialmente, di fatto sparirono dalle scene nel 1971; nella seconda metà degli anni '70 Kim Brown e Mick Webley più il chitarrista tedescoTruz "Viking" Groth ed Ettore Vigo dei Delirium formarono il complesso Kim & The Cadillacs, specializzato in revival di r&r.

Oggi Brown vive in Finlandia, il batterista Graham Johnson è rimasto in Italia, lavora nell'ambiente discografico e ogni tanto calca le scene con Trutz.

Ian Mallet è deceduto per un attacco di cuore qualche anno fa.


Nessun commento: